bokeh
0

Basta poco per cadere nella rete della Love Addiction. Che suona romantica, ma non lo è. Così come non è amore. Ecco come uscirne

Ha tanti volti, spesso opposti la Love Addiction. Ha quello di Sara, 25 anni e una trentina di “affaire” intensi e passionali alle spalle. «Ero un vampiro emotivo. Puntavo un tizio, meglio se sposato, e lo seducevo. E una volta assorbita tutta l’eccitazione possibile, passavo al successivo». Ma il volto della Love Addiction è anche quello di Anna, 16 anni e un ragazzino possessivo e sospettoso. «Facevo la doccia con l’iPhone cellophanato al braccio per essere sempre disponibile», dice.

La Love Addiction è come una droga

L’Università di Oxford ha descritto pochi mesi fa quello che succede nel cervello di persone come Sara e Anna. Ma anche in quello di chi si manda sms con il cellulare dell’ex per accusarlo di stalking, o mette mano a Tinder, perché “basta un ping per andare su di giri”.

E i risultati del neuroimaging (tecnologie che misurano il metabolismo cerebrale) sono stati chiari: dopamina alle stelle, euforia, attivazione del sistema di ricompensa che porta a ritornare compulsivamente al punto di partenza, mancanza di appagamento duraturo. Chimicamente parlando, la Love Addiction è in tutto simile alle droghe.

Ma è una malattia?

Nessuno chiama ancora “malattia” il bisogno dell’altro per dare un senso alla propria esistenza. O l’incapacità di sciogliersi da un giogo affettivo che fa soffrire, la ricerca della relazione a prescindere. Anche perché tutto questo, se limitato nel tempo, fa parte del viaggio sulle montagne russe che spesso è l’inizio di un amore.


Dodici mesi di delirio sono il massimo tempo consentito secondo Michel Reynaud, psichiatra e presidente di Fonds Actions Addictions, in Francia. Dopo un anno, è lecito parlare di Love Addiction. E cioè di una relazione tossica che ha un impatto negativo sulla salute emotiva, mentale e fisica. Che il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell’American Psychiatrists Association ora annovera tra le “nuove dipendenze” (come quella per il sesso e per internet, a cui è legata). E specifica: “va curata”.

Alla perdita si preferisce l’annientamento

Perché la dipendenza affettiva dei semplici dongiovanni, innamorati dell’amore e in perenne ricerca della “ricompensa” psicologica attraverso la conquista, è un problema più individuale che sociale. Infatti lascia al massimo una serie di cuori infranti sul suo cammino). Ma la patologia che affligge individui apparentemente fedeli e dedicati, che mettono l’altro davanti a tutto e a tutti, può avere invece ricadute pesantissime. Nei casi più estremi, chi ne è affetto preferisce l’annientamento alla perdita del partner.

I pensieri tossici

«È un fenomeno vecchio come il mondo (il nec sine te nec tecum vivere possum di Ovidio)», dice Maria Cristina Strocchi, autrice di Come liberarsi della dipendenza affettiva in 5 mosse (ed. Il Punto d’Incontro). «Ma si è intensificato da quando viviamo in un mondo che predica il perfezionismo. Quello del corpo, della mente e del sentimento, con la glorificazione della felicità e della passione romantica. Un mondo che ha orrore dell’errore, anche attraverso le interpretazioni più estremiste e moraliste dei credo, religiosi in primis. E soprattutto da quando su questo terreno si è innestata una tecnologia che permette il confronto e il controllo sulle vite altruiin modo pervasivo e costante». I pensieri tossici, oggi, nascono più in fretta. Perché quello che un tempo poteva fare solo James Bond – localizzare una persona in un nanosecondo, vedere cosa fa in diretta – è ora appannaggio di chiunque.

Tutti possono diventare love addicts

La maggior parte degli studi sulla Love Addiction dicono che a soffrire di questa condizione sono spesso persone che hanno subito traumi e abusi infantili. «Nella mia esperienza, però», continua Strocchi, «vedo che basta un momento di fragilità per far cadere persone con una storia personale sana nella rete della dipendenza affettiva. Non importa quanto bene inserite socialmente e professionalmente di successo siano. Perché la Love Addiction è una conseguenza della mancanza di autostima, cronica ma anche temporanea. Basta il lavoro che manca all’improvviso, la fine di un amore, una crisi esistenziale che mette tutto in discussione. Il primo campanello d’allarme deve suonare quando ci si rende conto di delegare all’esterno la possibilità di essere felici e di sentirsi capaci».

La danza della dipendenza

Con una metafora forse non a caso romantica, Stocchi descrive la Love Addiction come una danza. In questo movimento ritmico i due ballerini – una vittima e un carnefice, con ruoli spesso intercambiabili – sono incatenati. «Questo ballo inizia come un lento, ma diventa sempre più vorticoso. Se uno dei due non si svincola, rimane obbligato a tenersi sempre più stretto all’altro. La pista da ballo, nel frattempo, progressivamente si svuota, rendendo la dipendenza inestricabile. È un percorso d’amore malato, che porta grossi problemi fisici e psicologici per entrambi. Siano essi partner ma anche genitori o figli. Nelle situazioni più estreme, la vittima arriva a crisi di ansia, disturbi del sonno e dell’alimentazione, fino a depressione e suicidio. Il carnefice a episodi di violenza psico-fisica, violenza domestica, stalking e omicidio. E sappiamo come questi ultimi siano in aumento».

La Love Addiction tra gli adolescenti

I ragazzini sono particolarmente a rischio. Per ragioni fisiologiche innanzi tutto, come spiega Berit Brogaard, neuroscienziata dell’Università di Miami . «Il nucleo caudale è una componente sottocorticale del telencefalo che regola il sistema di ricompensa. In questo periodo della vita è molto più reattivo che negli adulti. E poiché è provato che l’innamoramento ha, a livello fisiologico, un effetto molto simile a quello provocato dalla cocaina, è ovvio che gli adolescenti siano a rischio di Love Addiction».

«L’amore è difficilmente definibile, ma di certo comprende l’atto di gioire della felicità dell’altro anche quando non ne siamo parte»

Il ruolo della tecnologia

Ma i teen di oggi sono anche la prima generazione che gestisce le proprie relazioni attraverso la comunicazione digitale. «La dipendenza, in amore, è una fase normale dell’innamoramento, è bellissimo quando si pensa “senza di te non respiro”» dice la dottoressa Silvia Sabattini. Psicologa e psicoterapeuta, Sabattini gestisce il punto di ascolto Free Entry di Carpi per giovani dai 14 ai 24 anni, e si occupa di problematiche legate alla gestione degli affetti nei ragazzini. «Ma l’accesso virtuale alla vita dell’altro fa superare il limite del rispetto e confonde con “amore” ciò che è già un presupposto di violenza: controllo, ricatto emotivo, attenzione totalizzante. Mi confronto quotidianamente con casi di relazioni disfunzionali. E so per certo che le Storie su Instagram o Snapchat hanno esasperato il desiderio di controllo, l’insicurezza, e la paranoia del tradimento. L’offerta di osservare in tempo reale cosa fa l’altro è difficile da resistere».

Lo smart phone è un problema anche per gli adulti

Del resto, continua Sabattini, «l’immaturità, nell’uso della tecnologia, è dilagante anche tra gli adulti. Che sono spesso in balia di emozioni simili a quelle degli adolescenti, e hanno a loro volta l’illusione di poter controllare l’altro. Quello che Gustavo Pietropolli Charmet ha detto a proposito degli adolescenti, che sono presenti fisicamente ma mentalmente altrove, è vero anche per molti adulti».

«Serve un’educazione sentimentale»

Che cosa serve, allora, per aiutare le persone a trovare un equilibrio nelle relazioni? «Casi patologici a parte, e qui penso a chi viene da un passato traumatico di abbandono e abusi, e dunque ha senz’altro bisogno di un trattamento psicologico, penso che serva un’educazione sentimentale, per giovani e adulti», risponde Maria Cristina Strocchi (che tiene lezioni gratuite sulla sua pagina Facebook). «La società si è evoluta ma spesso il nostro vero sentire è ancora prigioniero di stereotipi antichi. Penso alla frustrazione dell’uomo che guadagna meno della donna, o del ragazzino che dà fuori di matto se lei si fa un selfie con un altro. Insegnare l’autostima è il primo passo».

Amare non è gestire l’altro

Sabattini concorda sulla necessità di un’educazione sentimentale, soprattutto per imparare a gestire l’esigenza di “dirigere” l’altro. «L’amore è difficilmente definibile, ma di certo comprende l’atto di gioire della felicità dell’altro anche quando non ne siamo parte. Invece spesso vedo una prepotenza che restringe il campo d’azione dell’altro. Quando si è in una relazione, a qualsiasi età, occorre guardarsi dentro costantemente. Un po’ di dolore, in amore, è normale, ma la direzione dovrebbe essere quella dell’elevarsi insieme, migliorarsi, stare bene. Per guadagnare questa distanza e vedersi “dall’alto”, è utile ascoltare chi dice che la relazione ci sta cambiando. E parlare con qualcuno di esterno: lo psicologo, certo, ma anche il classico sconosciuto sul treno. Perché è solo allargando il proprio orizzonte che si riuscirà a prendere la decisione di fermare una relazione tossica».

Articolo di Laura Traldi – http://www.designatlarge.it
Foto di Oliver Elliot – http://www.oliverelliot.com

0

   

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo

0

0

0

addio_amoroso_fa_sempre_male

Dottoressa, appurato che ogni relazione è a sé stante, la rottura resta comunque un dolore?

Certamente, la fine di un amore è un lutto che deve essere rielaborato anche perchè la persona amata continua a vivere, indipendentemente da noi e magari la si vede perché dall’unione sono nati dei figli.
Nessuno di noi è stato educato a come lasciare perché quandosi inizia una convivenza, un matrimonio ma anche una semplice relazione ci si aspetta che l’amore duri per sempre. Molti non sanno come interrompere una relazione per cui mettono in atto una serie di strategie, negando la realtà per non far soffrire l’altro, ma poi inevitabilmente la realtà viene a galla. Oppure si assiste al fenomeno del ghosting quando la persona sparisce senza dare spiegazioni. In entrambi i casi, si aumenta la sofferenza di colui che viene lasciato.
Sarebbe opportuno essere chiari e sinceri, dando una spiegazione realistica che favorirebbe l’elaborazione di un lutto.

Lasciare o essere lasciati è la stessa cosa, chi sta meglio?

Anche qui dipende dalle situazioni. Chi lascia si assume la responsabilità di aver voluto chiudere una relazione e potrebbe sentirsi in colpa o pentirsi in un futuro. Chi è lasciato soffre di più perché pensa di aver sbagliato qualcosa e di non valere abbastanza.
Chissà perché deve esserci sempre un colpevole, secondo i dettami della nostra cultura.
Non si prende nemmeno in considerazione che l’amore può semplicemente finire.

Non è forse il recupero della propria identità il passaggio successivo più doloroso?

Certamente, ma anche in questo caso dipende da molti fattori:
il primo è l’autonomia. Se la persona abbandonata è stata autonoma, ha mantenuto le sue amicizie, i suoi hobby e non si è chiusa nella relazione, sicuramente soffrirà di meno e si riprenderà più facilmente.
Il secondo è il sostegno degli amici e della famiglia che non deve essere dato per scontato. E’ chiaro che se la situazione viene affrontata con il sostegno di persone case, si allevia il dolore.
Il terzo è come è finita la relazione. Se la persona è stata tradita, ingannata o non le è stata data una spiegazione chiara, soffrirà oltre al dolore dell’abbandono quello del tradimento.

Dire addio ad una persona senza soffrire si può, se si come?

Evitare la sofferenza è impossibile. Se però si arriva gradualmente, con un dialogo sincero e con lealtà alla separazione è più facile in un futuro salvare un rapporto che non sarà più di amore sarà almeno di amicizia, soprattutto se ci sono figli.

0

Perche_rivolgersi_a_psicologo

(Clicca QUI per scaricare l’articolo)

0

E’ possibile provare un sentimento di tale portata per un umano? Credo che per arrivare al nocciolo basti una sola parola: innamoramento. In questo lasso di tempo la coppia si ama incondizionatamente, dona tutto all’altro e prova delle emozioni fortissime. Questo primo stadio meraviglioso dell’amore spiega, secondo me, il significato di amore incondizionato. Per gli umano è raro che si protragga a lungo, si può trasformare in qualcosa di diverso, ma non sarà mai lo stesso dell’inizio. Con un animale, con un cucciolo di cane per esempio questo non accade, quell’innamoramento durerà per sempre. Ne parlo con la dottoressa psicologa e psicoterapeuta Maria Cristina Strocchi di Vicenza.

Molti preferiscono un cane ad una persona, sono in pericolo le relazioni umane?

No, non sono in pericolo, piuttosto sembra che siano sempre più complesse.
Con le persone ti devi misurare, con un animale no. La scelta di avere un cane porta moltissimi benefici, in primis il suo amore incondizionato: puoi essere ricco o povero, bello o brutto, triste o allegro lui ti ama per quello che sei e questo è vero amore. Un cane supera un’altra barriera che pare sia accentuata nella nostra cultura, sto parlando del contrasto fisico: Le persone si abbracciano poco, hanno paura di essere toccate e i rari momenti in cui avviene è nell’intimità. Se fossimo a conoscenza dei vantaggi psicofisici dell’abbraccio ne gioveremmo tutti: Ecco perché il cane riesce a superare anche questi blocchi che invece riserviamo ai nostri simili.

Quali sono i vantaggi dell’abbraccio?

Innanzitutto viene eccitata l’ossitocina e quindi la persona aumenta la sua energia vitale, toglie il senso di frustrazione che la vita nella società attuale spesso causa per la difficoltà dei rapporti interpersonali, scarica quindi lo stress e l’ansia, rafforza l’autostima perché la persona si sente amata, libera la doparmina e la serotonina che sono i neurotrasmettitori del benessere, permette di affrontare il dolore e di comunicare le emozioni, migliora il sistema immunitario. Direi che è sufficiente, che ne dite?

Ne deduco che la pet therapy sia la soluzione di molti problemi affettivi

La pet therapy che letteralmente significa “terapia dell’animale da affezione” sfrutta gli effetti positivi che derivano dalla vicinanza di un animale ad una persona. La sintonia che si instaura nel rapporto stimola l’attivazione emozionale e offre l’opportunità di aprirsi ad esperienze uniche. Il cane, in questo caso come ho già detto, non giudica, non ti rifiuta mai, egli si dona totalmente e si aspetta solo di essere amato, nulla di più. Quanti sono i sorrisi che un cucciolo ruba ad un bambino, ad un anziano o ad un malato? Non essendoci pregiudizi l’autostima aumenta e questa compagnia ha effetti positivi sull’ansia, rallenta il battito cardiaco, calano le paure.

Cosa cambia in un bambino che si approccia con un cucciolo di cane?

L’apprendimento all’educazione emotiva per esempio. Si crea una consapevolezza automatica e istintiva del rispetto, del donare amore e dell’imparare a prendersi curda di qualcuno diverso da te. Prenderlo in braccio, fargli carezze, portarlo a fare una passeggiata induce il bambino ad avere attenzione, contatto fisico e maturità emotiva.
Aumenta anche la capacità di osservazione, durante la passeggiata il bambino deve stare attento a tante cose: che cosa si ferma ad annusare, quale erba mangi, l’incontro con un altro simile, le auto, i bisogni, tutto contribuisce a rendere più responsabile il bambino delle sue azioni.
In conclusione, è l’amore la forza vitale che permette di continuare a vivere. La vita senza amore è respirare, non vivere.

 

0

lodare_punire

L’argomento riguarda gli adolescenti, i ragazzi che hanno concluso l’anno scolastico buttando all’aria gli zaini colmi di libri e quaderni e che per due mesi si godranno intere giornate a gozzovigliare tra piscina, mare o vasche in centro. Relax meritato oppure no? Comunicare con gli adolescenti è già complicato, se poi i genitori non sono felici dei loro figli lo è ancora di più.
Come fare lo chiedo alla dottoressa Maria Cristina Strocchi, psicologa e psicoterapueta.

(Articolo a cura di Stefania Zilio, clicca QUI per scaricare l’articolo)

0

posso_farcela_anche_da_sola

Gli errori più comuni all’inizio di una storia: riconoscerli e gestirli. Ci sono circostanze poi, in cui la ripetizione può compromettere l’esito di situazioni favorevoli, come al principio di una storia d’amore. Con l’aiuto dell’esperta vediamo quali sono gli errori più comuni e come evitare di commetterli

Gli errori più comuni all’inizio di una storia: riconoscerli e gestirli

E’ lui, non ci sono dubbi! Direttamente uscito dai tuoi sogni per incarnare una splendida realtà. Sa ascoltarti, si muove con l’eleganza felpata di un gatto e quando siete insieme ti senti come una regina. Insomma, ti piace da morire e, cosa impensabile sino a qualche tempo fa, fantastichi di te e lui in una casa in campagna, con un labrador e tanti bambini con gli occhi come i suoi.

Unico neo: vi conoscete da poco e non sai praticamente nulla di lui. Questo ti stimola da una lato ma dall’altro ti provoca una sottile insicurezza e tanti interrogativi: Quanto osare? Sarà la persona giusta?

Ti trovi nella fase iniziale di una storia d’amore, la più bella ed emozionante, ma anche la più delicata, paragonabile al decollo di un aereo: basta una manovra sbagliata per determinare un brusco atterraggio. Con l’aiuto della Dott.ssa Maria Cristina Strocchi, sessuologa e psicoterapeuta della coppia, ti illustriamo alcuni tra gli errori che si ripropongono più frequentemente in una sorta di “coazione a ripetere” e come imparare a gestirli per spiccare il volo verso inesplorati orizzonti d’amore, saldamente abbracciata al tuo partner.

Gli ex, un argomento delicato

Quello degli ex è un argomento da trattare con tatto. Anche se la tentazione di parlarne è tanta, all’inizio di una relazione bisogna essere cauti. L’ideale è farlo cercando di mettere in risalto gli aspetti costruttivi della precedente relazione. Potrebbe sembrare strano, invece parlar bene degli ex contribuisce a dare un’immagine positiva di sé stessi mentre, viceversa, una persona che evidenzia principalmente gli aspetti negativi di un legame finito dà l’idea di essere ancora troppo vincolata al passato e quindi non pronta all’inizio di una nuova storia.

Lasciarsi andare alla pigrizia

In genere trascorri le domeniche ciondolando per casa, in pantofole e pigiama. Il massimo dello sforzo fisico che ti concedi è sfogliare una rivista o accarezzare il gatto. E’ giunta l’ora di cambiare registro! Non aspettare che sia sempre lui a fare il primo passo e dopo aver sondato i suoi interessi sorprendilo con un percorso benessere in una SPA, un weekend in una capitale europea (le compagnie aeree low cost offrono delle ottime proposte) oppure acquista due biglietti per il concerto della sua band preferita. L’amore vuole slancio e gli uomini, tendenzialmente più pigri di noi, apprezzano chi mette un po’ di pepe nelle loro vite e imparano in fretta, ricambiando generosamente.

Nutrire aspettative esagerate

Magari lo fai per timidezza oppure perché sei rimasta scottata da precedenti relazioni. Sta di fatto che stenti a lasciarti andare e ti aspetti che sia sempre l’altro a dimostrarti, con attenzioni e affettuosità, di essere all’altezza dei tuoi sentimenti. Più o meno consapevolmente lo metti alla prova ma, in questo modo, rischi di risultare tiepida e opaca anche se non lo sei. La soluzione consiste nel darsi il giusto tempo per conoscere il partner senza crearsi aspettative esagerate, come quella che l’altro capisca al volo i tuoi bisogni affettivi che, invece, è fondamentale esprimere chiaramente. Allo stesso tempo cerca di capire cos’è andato storto nella tua storia precedente.

Servirà a chiudere metaforicamente il cerchio degli amori sospesi e scrollarsi di dosso emozioni distruttive come la rabbia, evitando che inquinino il presente.

In amor vince chi ride

In linea generale dar molto spazio ai problemi non è mai la scelta giusta, specie all’inizio di una storia. Nella vita ci vuole il giusto equilibrio tra serietà e umorismo, bisogna saperla prendere con un pizzico di allegria. E poi la comicità è donna, lo dimostrano Geppy Cucciari, Luciana Littizzetto e le altre che intrattengono il pubblico a suon di risate. Anche se non sei una mattatrice come loro fai lo stesso qualche battuta, aiuta a stemperare la tensione dei primi incontri e ad abbassare le difese iniziali, facilitando la comunicazione. Niente è più irresistibile di un’interlocutrice che sa intrattenere e alleggerire una conversazione con una sana risata.

0

vivi_un_amore_malato

Intervista con Maria Cristina Strocchi, psicoterapeuta e co-autrice di Come liberarsi della dipendenza affettiva in 5 mosse, un libro scritto a sei mani, che spiega come smascherare e prendere le distanze dai manipolatori affettivi

Come liberarsi della dipendenza affettiva in 5 mosse, il libro

Gli inglesi la chiamano love addiction un termine che identifica una relazione di coppia tossica, autodistruttiva ed altamente insoddisfacente dalla quale, tuttavia, le persone coinvolte non riescono a sganciarsi. La letteratura evidenzia come le vittime sono nella maggior parte dei casi donne, con un’età variabile dalla prima adultità (20-26 anni) fino al raggiungimento dell’età pienamente adulta (oltre i 50). Chi ne soffre tende a legarsi a uomini o donne sfuggenti, anaffettivi, ambivalenti, ai quali si chiedono attenzioni e conferme pur sapendo che non sono intenzionati a darle.

L’idea di fondo di queste persone è di non essere in grado di vivere da sole, in totale autonomia, perché non pensano di poter fronteggiare gli eventi che la vita pone loro davanti

commenta la Dott.ssa Maria Cristina Strocchi, psicoterapeuta a indirizzo cognitivo comportamentale e co-autrice del libro Come liberarsi dalla dipendenza affettiva in 5 mosse  (ed. Il Punto d’Incontro) un pratico manuale di self-help che fa luce su questo fenomeno.

Insieme all’esperta cerchiamo di capire meglio le sue dinamiche e come uscirne.

La nostra intervista a Maria Cristina Strocchi, psicoterapeuta

Cosa si intende per dipendenza affettiva?

E’ una delle tante forme di dipendenza come può essere da droga, da alcol, da lavoro e da shopping. La differenza, in questo caso, consiste nel riferirsi a una persona che diventa l’unica ragione di vita, una vera e propria ossessione. La vittima fa di tutto per compiacere l’altro e sentirsi apprezzata, ma lo sforzo sembra non essere mai abbastanza e cela sempre un senso di frustrazione.

Chi sono le persone maggiormente predisposte e quali sono le cause?

Come spesso accade, le cause vanno ricercate nell’infanzia. Sia la vittima che l’altra persona, chiamata dominatore o dominatrice, da bambini non hanno ricevuto una soddisfacente quantità di amore, attenzione, gratificazione, comprensione, sostegno nelle difficoltà, dialogo e ascolto da parte dei genitori. La frustrazione di questi bisogni primari li ha resi adulti con grandi problemi di autostima.

Si tratta, in sostanza, di uomini e donne che nelle relazioni applicano uno schema disfunzionale, che può portarli ad essere vittima e, quindi, a trovare una persona che confermi il loro non valore, oppure a passare dalla parte opposta e cercare di dominare per sancire il proprio potere. In sostanza, la causa del problema è la stessa ma la manifestazione può essere opposta e, in alcuni casi, invertirsi nell’arco della storia perché entrambi sono intrappolati nella “danza della dipendenza”.

Quali sono le caratteristiche della “danza della dipendenza”?

Come in ogni danza che si rispetti ci sono dei rituali e i protagonisti hanno ruoli ben definiti: la persona che domina tende a presentarsi nel migliore dei modi e ad intercettare qualcuno in difficoltà, nei confronti del quale assume il ruolo di “salvatore”. Una volta individuata e agganciata la vittima, ecco che inizia la danza: il dominatore diventa immotivatamente geloso, irascibile, svaluta la vittima, il suo lavoro, i suoi hobby, i suoi amici.

La vittima, in genere una persona insicura e bisognosa di affetto, inizialmente pensa di aver trovato un porto sicuro ma poi inizia a isolarsi e star male. Nei casi più gravi manifesta sintomi di ansiaattacchi di panico, disturbi del sonno, del comportamento alimentare e apatia. Succede però che, ad un certo punto, la vittima decida di ribellarsi perché il malessere è talmente forte da indurla a lasciare il suo persecutore. In questo caso bisogna essere cauti perché la reazione di chi viene lasciato potrebbe essere violenta.

Qual è il modo corretto per liberarsi dalla dipendenza affettiva?

Il primo passo consiste nel riconoscersi vittime di una dipendenza e comprendere che il problema sta nella relazione e non in sé stessi. E’ fondamentale non negare il problema per paura, vergogna e senso di colpa, perché spesso, dal momento che nessuno vuole considerarsi vittima, si tende a non  riconoscersi in pericolo sottovalutando il rischio e favorendo così l’autore. Come seconda mossa consiglio di lasciarsi nel migliore dei modi possibile, senza creare ulteriori danni col dominatore. Trattandosi di casi obiettivamente difficili, è consigliabile rivolgersi a uno psicoterapeuta che saprà dare suggerimenti utili per chiudere la relazione. A questo punto è fondamentale recuperare l’autostima.

Nel libro ci sono consigli ed esercizi pratici che insegnano quali sono i diritti affermativi e universali di ogni essere umano. Il quarto e il quinto passo consistono rispettivamente nell’accettare, gestire e comunicare correttamente le proprie emozioni ed esprimere i propri bisogni e necessità per difendersi dalla prepotenza altrui. Anche in questo caso, il lettore viene guidato verso il cambiamento tramite una serie di esempi ed esercitazioni.

(Fonte articolo: pianetadonna.it)

Older Posts »»