bokeh
0

posso_farcela_anche_da_sola

Gli errori più comuni all’inizio di una storia: riconoscerli e gestirli. Ci sono circostanze poi, in cui la ripetizione può compromettere l’esito di situazioni favorevoli, come al principio di una storia d’amore. Con l’aiuto dell’esperta vediamo quali sono gli errori più comuni e come evitare di commetterli

Gli errori più comuni all’inizio di una storia: riconoscerli e gestirli

E’ lui, non ci sono dubbi! Direttamente uscito dai tuoi sogni per incarnare una splendida realtà. Sa ascoltarti, si muove con l’eleganza felpata di un gatto e quando siete insieme ti senti come una regina. Insomma, ti piace da morire e, cosa impensabile sino a qualche tempo fa, fantastichi di te e lui in una casa in campagna, con un labrador e tanti bambini con gli occhi come i suoi.

Unico neo: vi conoscete da poco e non sai praticamente nulla di lui. Questo ti stimola da una lato ma dall’altro ti provoca una sottile insicurezza e tanti interrogativi: Quanto osare? Sarà la persona giusta?

Ti trovi nella fase iniziale di una storia d’amore, la più bella ed emozionante, ma anche la più delicata, paragonabile al decollo di un aereo: basta una manovra sbagliata per determinare un brusco atterraggio. Con l’aiuto della Dott.ssa Maria Cristina Strocchi, sessuologa e psicoterapeuta della coppia, ti illustriamo alcuni tra gli errori che si ripropongono più frequentemente in una sorta di “coazione a ripetere” e come imparare a gestirli per spiccare il volo verso inesplorati orizzonti d’amore, saldamente abbracciata al tuo partner.

Gli ex, un argomento delicato

Quello degli ex è un argomento da trattare con tatto. Anche se la tentazione di parlarne è tanta, all’inizio di una relazione bisogna essere cauti. L’ideale è farlo cercando di mettere in risalto gli aspetti costruttivi della precedente relazione. Potrebbe sembrare strano, invece parlar bene degli ex contribuisce a dare un’immagine positiva di sé stessi mentre, viceversa, una persona che evidenzia principalmente gli aspetti negativi di un legame finito dà l’idea di essere ancora troppo vincolata al passato e quindi non pronta all’inizio di una nuova storia.

Lasciarsi andare alla pigrizia

In genere trascorri le domeniche ciondolando per casa, in pantofole e pigiama. Il massimo dello sforzo fisico che ti concedi è sfogliare una rivista o accarezzare il gatto. E’ giunta l’ora di cambiare registro! Non aspettare che sia sempre lui a fare il primo passo e dopo aver sondato i suoi interessi sorprendilo con un percorso benessere in una SPA, un weekend in una capitale europea (le compagnie aeree low cost offrono delle ottime proposte) oppure acquista due biglietti per il concerto della sua band preferita. L’amore vuole slancio e gli uomini, tendenzialmente più pigri di noi, apprezzano chi mette un po’ di pepe nelle loro vite e imparano in fretta, ricambiando generosamente.

Nutrire aspettative esagerate

Magari lo fai per timidezza oppure perché sei rimasta scottata da precedenti relazioni. Sta di fatto che stenti a lasciarti andare e ti aspetti che sia sempre l’altro a dimostrarti, con attenzioni e affettuosità, di essere all’altezza dei tuoi sentimenti. Più o meno consapevolmente lo metti alla prova ma, in questo modo, rischi di risultare tiepida e opaca anche se non lo sei. La soluzione consiste nel darsi il giusto tempo per conoscere il partner senza crearsi aspettative esagerate, come quella che l’altro capisca al volo i tuoi bisogni affettivi che, invece, è fondamentale esprimere chiaramente. Allo stesso tempo cerca di capire cos’è andato storto nella tua storia precedente.

Servirà a chiudere metaforicamente il cerchio degli amori sospesi e scrollarsi di dosso emozioni distruttive come la rabbia, evitando che inquinino il presente.

In amor vince chi ride

In linea generale dar molto spazio ai problemi non è mai la scelta giusta, specie all’inizio di una storia. Nella vita ci vuole il giusto equilibrio tra serietà e umorismo, bisogna saperla prendere con un pizzico di allegria. E poi la comicità è donna, lo dimostrano Geppy Cucciari, Luciana Littizzetto e le altre che intrattengono il pubblico a suon di risate. Anche se non sei una mattatrice come loro fai lo stesso qualche battuta, aiuta a stemperare la tensione dei primi incontri e ad abbassare le difese iniziali, facilitando la comunicazione. Niente è più irresistibile di un’interlocutrice che sa intrattenere e alleggerire una conversazione con una sana risata.

Lascia un commento

Name
Required: We need to know who you are.

Email
Required: Will not be published...

Website
Optional: This will show your website...

Comment
Required: Enter your thoughts below: